FANDOM


Una bambina è seduta nella sua stanza. I suoi capelli marroni, disordinati, erano raccolti in piccole trecce e gli occhi nocciola fissavano la porta. Abbracciò la sua giraffa di peluche vicino al suo piccolo corpo, e ascoltò attentamente le forti urla di suo padre e di sua madre.

"Perché ho avuto dei figli maledetti!" Urlò una voce forte e pesante. "Non sanno fare altro che combinare pasticci, fare capricci e disegnare sulle pareti!!!”

La madre della ragazza lo interrompeva, gridando con tutta la sua rabbia "Sono BAMBINI, David. E' normale che facciano queste cose!"

"Fanculo, Marybeth. Piantala con queste cazzo di scuse! Ne ho abbastanza di loro!"

"E cosa avresti intenzione di fare?!"

La bambina sentì passi pesanti venire verso la sua stanza, e abbracciò forte la sua giraffa di peluche. La porta si aprì violentemente, e sulla soglia apparve la sagoma robusta del padre, arrabbiato, e in sovrappeso. In una delle due mani teneva un grosso libro di testo.

" David, smettila!!!!" urlò la madre. Ma il padre ignorò le grida imploranti di sua moglie. Afferrò la bambina per il colletto, lei urlava e scalciava, tremante di paura. Il padre sollevò con fatica il pesantissimo libro… "Questo è per il disegno sulle mie cazzo di pareti, piccola cagna…”

Anni dopo…

Natalie aveva ormai 9 anni. Stava per raggiungere la fase della pubertà... Come al solito, era seduta nella sua stanza, col suo viso paffuto, a guardare la TV. La sua famiglia stava affrontando da tempo la crisi economica, e nell'altra stanza il padre stava sbraitando riguardo qualche faccenda finanziaria di cui a lei non poteva importare di meno… Natalie sgranocchiava dei pop corn, niente di meglio per godersi gli spettacoli in TV. Era anche presa da un disegno. L'immagine era un po' sanguinaria, ma le piaceva disegnare il sangue, le dava una strana soddisfazione. La vita era stata un grosso problema per lei… nonostante la sua giovane età, Natalie era stata sempre sottoposta al duro lavoro, ecco perché adesso era in grado di fare più cose allo stesso tempo. L’Arte era il suo talento e passione. Era il suo modo per sfuggire dalla realtà, ogni volta che qualcosa di brutto la assaliva, o semplicemente quando era annoiata.

Improvvisamente sentì chiudersi la porta, e guardò alla sua sinistra. C'era il fratello Lucas lì, aveva 14 anni all'epoca.

"Che cosa c'è?" gli chiese. Poteva ancora sentire le urla del padre…

"Papà ti spaventa?" chiese lui a sua volta, emettendo una risatina.

"Assolutamente no. Ormai  penso che ci siamo entrambi abituati."

Ci fu una lunga pausa.

"Allora, perché sei qui?"

Il fratello giocherellava con le maniche e si irrigidiva di tanto in tanto… sembrava nervoso.  "Devo chiederti una cosa." Lei aggrottò la fronte, sempre più impaziente con il fratello e fu costretta a interrompere il suo film e il suo disegno.

"Che cosa?"

"Hai detto che volevi essere forte, e crescere come una vera adolescente, giusto?..."

Lei annuì.

"Beh, io ho una proposta.... Sai cosa... quello che i ragazzi e le ragazze fanno insieme qualche volta, vero?"

Il giorno dopo a scuola, Natalie non emise suoni. Non parlò per l'intera giornata. Nessuno avrebbe potuto capire. Nessuno doveva sapere. E così, nessuno avrebbe saputo. Il suo insegnante si era accorto delle sue espressioni perplesse, ma lei lo respinse, facendo finta di non capire la lezione. Natalie si sentiva immersa in un forte dolore. Spaventata, appena ritornata a casa, si incamminò verso la sua stanza e rimase lì. Ma nel corso della giornata, ricevette un'altra visita da suo fratello.

Nessuno doveva sapere. Fino a quando un giorno, a scuola, sentì il bisogno di confidarsi… Anche se non erano sue amiche, dentro di sé sentiva che doveva farlo. Si avvicinò al gruppo di ragazze che di tanto in tanto vedeva nel corridoio. Sembravano belle ragazze, e loro e Natalie avevano occasionalmente parlato..

"Hey... Mia... "

Mia guardò Natalie, con  faccia seria. "Sì?"

"Io... ho davvero bisogno di parlarti di una cosa ."

"Beh, sento che sei l’ unica persona di cui mi posso fidare…”

Mia e le sue amiche avevano degli sguardi un po’ perplessi, ma solo per un momento… Natalie non lo sapeva ancora, ma tutto ciò che quelle ragazze volevano era conoscere chiacchiere e pettegolezzi. "Va bene, ti puoi fidare di noi. Che succede?"

Non ci volle che un giorno... Appena il giorno dopo, Natalie divenne l'oggetto di commenti infiniti sui siti di social networking, come Facebook. Una volta, qualcuno la chiamò addirittura “zoccola”. E a mensa, i bocconi dei loro pasti diventavano proiettili da lancio, diretti verso i suoi capelli. Sarebbe stato l'ultimo dei suoi problemi, ma Natalie aveva solo 9 anni e non poteva evitare di essere turbata da queste cose, e tanto. Ma come abbiamo detto lei non fece mai parola di queste cose con nessuno… tenne sempre tutto dentro di sé…avrebbe tenuto tutto dentro, convinta che fosse per il suo bene. Non avrebbe permesso che il dolore si prendesse la parte migliore di lei.

03:00, e stava ancora studiando a quell'ora. La madre l'avrebbe ammazzata.

Natalie aveva 16 anni. Ora era al Liceo e aveva addirittura un ruolo d'onore per i suoi insegnanti. Per una volta nella sua vita, si sentiva tranquilla e felice. Anche se, come al solito, c'erano momenti in cui finiva per fare "l'eremita" nella sua stanza, nascondendosi lontano da suo padre che ancora amava urlare continuamente di economia, di denaro e di politica… tutte quelle stronzate che lei e il suo povero udito non potevano più sopportare.

Cominciò a sentire gli occhi appesantirsi. Aveva un compito su cui lavorare quella notte, ma non le importava più. Tutto ciò che voleva ora era …dormire un po’. Chiuse il suo portatile , e dopo che i suoi occhi si abituarono un po' al buio, vide la sua vecchia, logora giraffa di pezza, abbandonata in un angolo. La fissò per un tempo che le sembrò infinito, nel silenzio più totale.

Ricordi passarono per la sua mente stanca, sentì le lacrime arrivare agli occhi. Ma in fretta, sbattè le palpebre, cercando di non piangere, con tutte e sue forze. "Basta interruzioni” pensò tra sé. Ma continuava a fissare il pupazzo. "Che cazzo hai da guardare?" disse all’ oggetto. Ma lui continuava a fissarla con quegli occhi piccoli e lucenti, morbidi, neri. Lei scosse la testa e si alzò. Guardò tristemente il piccolo giocattolo, e delicatamente lo prese in braccio. Lo cullava, e gli parlava a bassa voce.

" M-mi dispiace... " Lacrime bagnavano il suo viso. Strinse la piccola giraffa a sé, accarezzando il suo pelo ormai ruvido …e lentamente si addormentò.

Venne svegliata dalle urla di sua madre. Aprì stancamente uno dei suoi occhi. "Non posso credere di aver dimenticato di portare via il portatile da qui!!! L'hai usato per tutta la notte, non è vero!?”  Natalie sospirò e premette il viso sul cuscino più che poteva, stringeva vicino a sé la sua giraffa. Sua madre sospirò  e uscì . Natalie fece una doccia, si lavò i denti, fece colazione. Poi si vestì. Mise una felpa grigio-blu con cappuccio, con pelliccia all'interno. Non era la sua preferita, ma era l'unica che avrebbe potuto portare a scuola, visto che gli altri vestiti che erano a lavare. Indossò jeans neri e degli stivali sottili 'alla moda'. Poi finalmente scese giù per le scale per andare a scuola.

Saltò in macchina, e sua madre iniziò a guidare verso la scuola. Ma a causa della mancanza di sonno, Natalie mise la testa contro il finestrino e chiuse gli occhi. I suoi sogni, o meglio i suoi incubi, continuavano a tormentarla, con i ricordi della violenza subita da bambina, vividi come se quella violenza stesse continuando ad accadere ancora. E in secondo luogo, i ricordi dell'abuso sessuale da parte suo fratello Lucas, durato per 4 anni prima che avesse il coraggio di girarsi contro di lui. Ancora addormentata, Natalie si contorse piangendo. Ma sua madre non se ne accorse. Sua madre non si accorgeva mai di nulla.

Ancora una volta fu risvegliata dal tono seccato della madre: "Siamo arrivati". Guardò stanca la grande insegna della scuola: 'Istituto di Walkerville – Collegio delle Belle Arti'. Sospirò stancamente e uscì, mettendo il suo zaino sulla spalla. "Ci vediamo . " disse chiudendo la portiera della macchina. Entrò a scuola, e dopo aver chiacchierato con alcuni compagni si diresse al suo armadietto, al terzo piano. Afferrò i suoi libri, e prima che i cinque minuti a disposizione finissero, corse in classe.

La sua insegnante di inglese fastidiosamente sbatté la mano sul banco di Natalie . "Dov'è il suo compito, signorina Ouellette?"

Natalie deglutì. "Io -ehm, l’ho dimenticato a casa. Mi dispiace signorina Homenuik."

Lei ringhiò e si alzò.

"Il suo tempo è scaduto, signorina Ouellette. Lei mi delude." Natalie rimase un attimo confusa. Non sapeva perché, ma quelle parole si sciolsero in lei. Ignorò la sgridata da parte della professoressa e tornò ad ascoltare la lezione cercando disperatamente di non addormentarsi. Più tardi quel giorno, mentre si dirigeva al suo armadietto per la quarta ora, il suo ragazzo, Chris, si avvicinò a lei. " Ehi... ti va se parliamo dopo la scuola?” Lei sorrise, amava parlare con Chris. Anche se stranamente lei non sospettava nulla. Era sempre stato un ragazzo dolce, lui. Durante la sua lezione di francese, Natalie non prestò attenzione. Si mise solo a scarabocchiare sul quaderno… l’arte era la sua passione. Sangue, sangue e ancora sangue… persone accoltellate, coltelli insanguinati, immagini macabre. Altri avrebbero considerato inquietante che lei disegnasse queste cose, ma stranamente pensava che fosse normale.

"Miss Ouellette?"

Rapidamente coprì lo scarabocchio e si rivolse rapidamente verso l’insegnante di francese. “Sì, Mr. LeVasseur ? " "Mostrami il tuo lavoro." Lei esitante spostò il braccio, per mostrare l'immagine di una persona qualunque accoltellata da un folle. Il professore la guardò perplesso. Lei sorrise nervosamente. "Cancella tutto, e inizia il tuo lavoro" disse con voce stranamente calma. Si allontanò, e lei sospirò cancellando il disegno.

L'insegnante la guardò ancora: “Signorina Ouellette..." Lei lo fissò.

"Il suo tempo è quasi scaduto. Le suggerisco di fare il lavoro adesso". Lei ringhiò al rimprovero dell'insegnante. Sembrava che fosse sempre stato contro di lei. Ma in verità, a lei non importava più del suo lavoro. Dopo la lezione, si incamminò fuori dalla scuola per trovare il suo ragazzo, con cui si era data appuntamento. Lei sorrise e si avvicinò. Ma mentre si avvicinava sempre di più, il suo sorriso lentamente si spense… "Chris, cosa c'è che non va? Di cosa volevi parlarmi?" Sospirò. "Natalie, penso che sia ora che noi ...dovremmo iniziare a vedere altre persone." Sentì il cuore in pausa. "Ma… perché?" Lui la guardò con sguardo severo.

"E' per i tuoi disegni. Penso che ci sia davvero qualcosa che non va in te. E la cosa peggiore è che non mi dici perché ti stai comportando così… mi fa sentire irresponsabile. Se solo ...no …non ce la faccio più… Mi dispiace." E si allontanò.

---

Natalie sbatté le mani sullo specchio del bagno di casa. Fissò nello specchio il suo movimento continuo degli occhi. "Io non sento il dolore come gli altri… io sono forte!” Prese un ago e un filo nero in mano. "È inutile, non aiuta." Provava una strana sensazione nel suo subconscio. Ridacchiò. "No... lo lo sto facendo perché lo voglio." Sollevò l'ago col filo, e sorrise. "Il tempo è scaduto."

Pezzo dopo pezzo, taglio dopo taglio. Anche se il dolore in realtà era insopportabile… lei non piangeva. Ormai non c'erano più lacrime da versare. Il sorriso si era stampato sulla sua faccia. Il sangue fuoriusciva… scorreva e bagnava il lavandino. Quando ebbe finito, si alzò e ammirò la sua opera. Accarezzò i punti orrendi ai lati della bocca, che formavano un lungo e orrendo sorriso. Sentì il sangue caldo sulle dita… lo leccò delicatamente, gustandolo con piacere…. Si fermò quando vide il  riflesso di sua madre sullo specchio… si voltò bruscamente. Vide gli occhi disperati della madre sul viso pallido che guardava le dita della figlia insanguinate… Natalie sentì improvvisamente il dolore e iniziò a piangere… "Mamma…" Non si era mai sentita così confusa… ma cosa aveva appena fatto? Sua madre aveva prenotato una terapia per lei. Natalie non voleva togliere la cucitura dal suo volto, per timore del dolore.  Decise di portare il cappuccio per non permettere a nessuno di vedere. Natalie si sedette sul sedile di cuoio e fissò la donna bionda di fronte a lei in silenzio. "Il tuo nome è Natalie, vero?” "Sono Debera. Ed io sono qui per aiutarti. Ora dimmi, quali sono stati i tuoi problemi di recente?" Natalie la fissò.


"Il tempo."



 Debera le rivolse uno sguardo confuso. “Come cara?”



Natalie stingeva forte le sue mani sul duro sedile.






"Tutto. Tutto vive attraverso esso, procedendo lentamente con la vita, che viene controllata da esso solo per essere torturata senza fine, fino a quando non si capisce di non avere più uno scopo. Quel cerchio… non rallenta, non accelera… Sì….è molto violento. Fa vivere attraverso la tortura più, e più volte, incapace di avanzare, a partire da esso.”


Natalie davvero non aveva idea di quello che aveva appena detto... Si sentiva come se non fosse più se stessa. Questo potrebbe essere a causa di... tutte quelle cose orribili che aveva vissuto?  No, era impossibile. Ma per qualche strana ragione, a lei... è piaciuto. La terapeuta si avvicinò. "Tesoro, voglio che tu mi dica che cosa ti è successo." Natalie ancora la fissava. Ci fu una lunga pausa. Lei sorrise leggermente, e le sue cuciture si aprirono…

Debera si infastidì  “Non posso aiutarti se non mi dici cosa c'è che non va, Natalie." Le sue dita cominciarono a strappare la pelle dura della sedia.


"Natalie non è più qui."


Con questo, gli occhi di Debera si spalancarono. Si alzò. "Torno subito. Per favore, resta qui." Uscì, lasciando sola Natalie.


Forse… lei non era più sana di  mente.                                                         






“Sono obbligata a darvi una verità orribile…”






Natalie, in quella stanza deserta e buia non si mosse. Sedeva perfettamente immobile, perfettamente silenziosa e perfettamente calma in quella sedia. E dopo un po', potè finalmente uscire, felice di andarsene… ma lei notò le espressioni dei genitori. Anche suo padre aveva una strana espressione sul suo volto rattristato. La sua confusione aumentò , non c’ erano parole, e li seguì fino alla macchina. Lungo la strada che riportava a casa.

Quella notte, sentì una voce che parlava in sogno. Sembrava se stessa, facendo eco nell'oscurità eterna.

"Il tuo tempo è scaduto." Si risvegliò completamente sudata. Non era a casa. Lei non era in macchina. Lei era in un letto… un letto bianco in una stanza bianca. Guardò al suo fianco, era collegata ad un monitor cardiaco. Si alzò, ma i suoi piedi rimasero incollati a terra. Venne presa dal panico. Ha iniziato a lottare, ma si fermò sentendo una porta alla sua sinistra aprirsi. Un uomo in camicie bianco la guardò, con le mani dietro la schiena. Sembrava uno scienziato..."Devi essere molto confusa in questo momento, posso immaginare. Ma io sono qui solo per aiutarti. I tuoi genitori hanno deciso di firmare un contratto per sottoporvi ad alcuni farmaci mentali per aiutare il suo stato d’animo " Aprì la bocca per protestare, ma è stata rapidamente messo a tacere." Non hai bisogno di preoccuparti. Tornerai alla normalità in poco tempo. Basta cercare di rilassarsi " Si avvicinò, lei cercò di spostarlo via, ma non ci riuscì a causa delle cinghie di cuoio intorno ai polsi e alle gambe. L’uomo prese una maschera, e la mise sulla sua bocca e sul naso. Lei ostinatamente cercò di farla saltare via, ma sotto l’effetto di quella specie di gas, lentamente chiuse gli occhi.


E improvvisamente si svegliò. Non riusciva a capire cosa diavolo stesse vedendo. Sembrava l’avessero riempita di iniezioni, la sua pelle era stata completamente sfregata… si sentiva stordita, ma era consapevole di quello che era successo. Adesso capiva cos’era il dolore… si era svegliata nel bel mezzo di un’operazione chirurgica… Vide i medici al lavoro, poteva sentire il dolore, il suo cervello si era risvegliato completamente. La sua frequenza cardiaca sul monitor iniziò ad accelerare, i medici si agitarono. Iniziarono a urlare, non si riusciva a capire cosa  stavano  dicendo, ma lei sentì improvvisamente una scarica di adrenalina. Cominciò a scuotersi violentemente. Uno dei medici cercava di tenerla giù, ma era inutile… il suo stato mentale si era risvegliato… completamente diverso, era completamente cambiata. I medici indietreggiarono. Si sedette sul bordo del letto ora, strappò via la maschera e i collegamenti dalle sue braccia. Si alzò, e cominciò ad agitarsi, sembrava come impazzita, inciampava, si sbatteva contro le pareti… la sua vista era sfocata. Rideva forte. Ma improvvisamente, sentì un dolore lancinante al petto. Si mise la mano sul cuore, e cadde in ginocchio. Tossì sangue, e cadde per terra… tutto era diventato nero. Si svegliò lentamente… era intontita. Era di nuovo sul letto e il dottore sedeva vicino a lei.


"Qualcosa è andato terribilmente storto..." Non sapeva perché, ma si sentiva un enorme odio nei confronti del medico. Lei distolse lo sguardo. "Non dovevi svegliarti, ti stavamo dando le dosi per il tuo stato mentale. Non sapevo di come ci si sarebbe risentito... Ma l’abbiamo scoperto." Si fermò per un attimo, prese un piccolo specchio, senza guardarla. "È capitato di avere un effetto sul tuo aspetto."

Natalie si guardò allo specchio, ed i suoi occhi si spalancarono. I suoi occhi... Erano... completamente verdi. Notò di avere ancora la sua cucitura sui lati della bocca. Ma per qualche strana ragione, non poteva fare a meno di sentirsi… felice. Il suo battito cardiaco iniziò ad aumentare di nuovo. "Hahaahhahaaaaahahaaaa...." Il dottore sembrava in stato di shock , ritrovandosela improvvisamente in piedi sopra di lui. "Dottore..." disse lei, ancora ridacchiando. Tremava leggermente, per la pressione che emetteva il collegamento del monitor cardiaco " S-Sì ?" "Il tuo tempo è scaduto."


Un forte grido rimbombò nei corridoi deserti dell’ ospedale. Due guardie di sicurezza si precipitano nella stanza , sfondando la porta. Sangue. è stata la prima cosa che videro. Sangue sulle pareti, sul letto, sul pavimento. Inferno, anche sul soffitto. Il dottore era legato sul letto… la sua spina dorsale era completamente spezzata , e adesso giaceva nel letto, completamente ripiegato come se fosse un panino. il sangue fuoriusciva dagli occhi , dal naso, dalla bocca, quasi da ogni parte del corpo. E lì, in un angolo, c’era l’assassino, Natalie. Immobile, in piedi davanti al muro, su cui stava scritto col sangue:


“Il tuo tempo è scaduto.”


Natalie si voltò lentamente, per guardare le guardie… sul suo volto stava cucito un enorme agghiacciante sorriso. "Ciao amici... volete sapere come si gioca? Ha... hahah... hahahha.." Le guardie tirarono rapidamente fuori le pistole, ma Natalie schivava agilmente i loro proiettili. Natalie afferrò un enorme coltello dalla sua tasca, e colpì una delle guardie proprio nella pancia. lo stomaco scivolò immediatamente fuori accompagnato da un’enorme quantità di sangue, e la guardia si accasciò a terra. Natalie inspirò profondamente, gustando con piacere il delizioso odore della morte. Il collega terrorizzato lasciò cadere la pistola e indietreggiò. Natalie lentamente si avvicinò a lui, e mise la punta del coltello sul suo petto. "Il tuo tempo è scaduto." Lentamente fece scivolare il coltello fino all’ intestino… tutti gli organi si rovesciarono a terra e l’uomo crollò lentamente accasciandosi, fra il sangue e i suoi organi.


La mamma di Natalie stava tranquillamente dormendo con suo marito, ignorando quel che potevano fare alla sua amata figlia… Si svegliò al bussare della porta, e lei, intontita per il sonno, si alzò e uscì dalla camera da letto. Fuori pioveva a dirotto, un’enorme e assordante tuono rimbombò per tutta la casa. Camminò fino alla porta d’ingresso, ma si fermò quando stava per aprire la maniglia… Dietro la porta... c’ era, una debole, folle risatina. La pioggia e i tuoni sembravano essere sempre più sinistri ogni secondo che passava… Maribeth premette l'orecchio contro la porta, e ascoltò attentamente…


"Ciao, mamma."


Natalie sfondò la porta, con i suoi due coltelli stretti nelle mani. Sua madre saltò all'indietro, colpendo la testa contro l'attaccapanni. Un gancio le aveva rotto il cranio e sanguinava violentemente dalla parte posteriore della testa… Maribeth giaceva a terra paralizzata, ma ancora cosciente. Natalie torreggiava su di lei, ma lentamente si inginocchiò per soddisfare i suoi sensi, e mostrò alla madre le sue due lame, coperte di sangue denso. "Ho sofferto, mamma...." Fece scorrere la punta del coltello sulla guancia. Natalie inclinò la testa. "Sei stata debole... non hai fatto niente." Natalie afferrò la madre e la poggiò dolcemente alla parete. Si sedette sopra di lei, e i respiri della madre cominciarono a farsi sempre più pesanti. Natalie sapeva di non avere molto tempo. Aprì con forza la sua cassa toracica, raggiunse e afferrò il cuore della madre, lo prese delicatamente in mano. E all'improvviso lo strappò fuori, il sangue schizzò dappertutto. Lei e la madre si fissarono negli occhi per tutto il tempo fino a quando, lentamente, Maribeth morì. "Sogni d'oro..." Sussurrò Natalie al cadavere. "Il tuo tempo è scaduto." Mise il cuore in bocca alla madre, dopo averlo fatto scivolare sulle proprie guance.



Ma Natalie non aveva ancora finito.

David, il padre di Natalie, era ancora sveglio, aspettando il ritorno della moglie. Ma quando I suoi occhi cominciarono ad abituarsi all'oscurità, improvvisamente si accorse di Natalie in piedi sul letto sorridendo follemente con i suoi occhi verde incandescente nel buio. Era ricoperta di sangue...

"Oh caro papà… mamma se ne è andata… Adesso chi porterà i soldi? Hahahaahah..." Afferrò il padre per il collo. "Erano tutto ciò a cui tenevi.” Suo padre, però, abituato a picchiare i suoi figli, l'afferrò per il collo, e la gettò a terra e iniziò a calpestarla fino a quando lei non incominciò a sputare sangue.


"Non ci si sente bene papà?” Lei tossì altro sangue. " Perché non lo hai fatto tanti anni fa? Ahahahahahah."

"TU NON SEI MIA FIGLIA!" Il sorriso di Natalie si fece più ampio, i suoi occhi verdi diventavano sempre più ardenti, quasi rossi, come il sangue che le colava giù dalla bocca.

"Hai ragione, non lo sono" Gli fece lo sgambetto facendolo cadere violentemente a terra, Natalie si alzò col coltello stretto nella sua mano. "Si dice che più sono grandi il colosso d'argilla." Mentre il padre era senza fiato, Natalie afferrò un cuscino e glielo ficcò in faccia. Iniziò così a calpestare il suo volto, sempre più forte, si sentivano i colpi pesanti atterrare sulla sua faccia. Quando Natalie tirò via il cuscino, il viso del padre era orribilmente mutilato, urlava e piangeva dal dolore. "Cosa c’è papà? Troppo dolore per te?” Decisa lo accoltellò due volte allo stomaco… subito dopo riuscì a staccare due sostegni pesanti del letto e lì legò alle proprie gambe. "Hai bisogno di questi…" Natalie ridacchiò, e si alzò con i pali fissati sulle due gambe. Iniziò a camminare e  il peso del suo corpo sui pesanti sostegni del letto lentamente cominciarono a spremere le viscere del padre che si sentivano dentro il suo corpo. Ma Natalie iniziò a perdere la pazienza.

“PERCHE’ NON MUORI!”

Ringhiò, e iniziò a calpestare più forte. All'improvviso, gli organi di David scoppiarono fuori dalla sua bocca. Natalie annuì soddisfatta e si diresse fuori dalla camera. Di David non restò altro che una carcassa di organi.



Infine… venne la sua parte preferita. Natalie si dirigeva tranquillamente nella stanza dei fratelli, e silenziosamente aprì la porta. Il sangue colava dal suo coltello, e nella vecchia stanza, rimbombava debolmente il ticchettio delle gocce di sangue sul pavimento di legno. Suo fratello non era a letto… si era nascosto da qualche parte… "Oh, caro fratellino… vieni qui… voglio solo divertirmi… ahahahah…” Ma Natalie non si azzardò a fare un passo. Doveva percepire ogni minimo movimento, ogni minimo respiro, doveva annusare l’aria con concentrazione…  Più ascoltava, e finalmente notò qualcosa… un debolissimo respiro. Cadde a terra. Suo fratello era dietro di lei, con una mazza da baseball. Guardava la sorella con rabbia. Natalie cercò di alzarsi lentamente ma lui la colpì ancora, e ancora, e ancora. “MAMMA HA SEMPRE FATTO DI TE LA MIGLIORE! SEI UNA STRONZA!” Lui la colpì duramente per l'ultima volta, prima di prendere un attimo di respiro. Natalie sanguinava molto e i suoi occhi verdi incandescenti si stavano spegnendo lentamente nel buio. Si sentiva debole, e guardò il soffitto. Ricordò i giorni che aveva trascorso qui dentro, per essere solo torturata, per 4 infiniti anni… guardava quel maledettissimo soffitto. Una sensazione oscura si accese improvvisamente in lei. Si alzò in piedi ridendo follemente. Suo fratello la colpì di nuovo, ma lo bloccò coi suoi coltelli. "Va all’inferno, fratello.” Con una grande spinta, fece volare suo fratello sul letto. Natale lo afferrò e lo sbatté al muro, e affondò i suoi due coltelli nelle due braccia del fratellino per tenerlo inchiodato al muro. "Vediamo che cosa possiamo usare qui..." Iniziò a camminare per la stanza, e sorrise quando vide un semplice coltello da burro. Si chinò e lo raccolse. "Si dice che gli occhi sono gli organi più morbidi del corpo..." Natalie leccò il coltello. Il povero fratellino la guardò con orrore, cercando di lottare, ma Natalie iniziò a scavare nei suoi occhi. Il fratellino gridava più forte che poteva, ma venne subito zittito con un panno legato alla bocca. Egli non poteva più vedere nulla… il dolore era insopportabile. Il sangue fuoriusciva violentemente dalle sue orbite. Avrebbe voluto piangere, ma non ne era capace. " Hmm..." Ricominciò a camminare per la stanza, e afferrò un paio di forbici. Si avvicinò "Penso che sia necessario tagliare, fratello.” pugnalò con le forbici il suo intestino e lui pianse un grido soffocato di insopportabile dolore. Lo trattava come un manichino da arti e mestieri, tagliando la sua pelle come se fosse carta. Natalie prese il suo intestino e sorrise. "Sai cosa mi piace? Fare disegni con i Maccheroni". Iniziò a tagliare il suo intestino "Questi potrebbero essere un po' troppo grandi da mettere su un piatto… però…" Il fratello sputava schiuma dalla bocca ed era costretto ad inghiottire continuamente sangue a causa della benda sulla bocca. "Buono vero?" Lei leccò il sangue dalle sue dita. "Cosa fratellino? Certo che mi piace!" Puntò alle dita dei piedi e cominciò strapparle fuori con le forbici… Uno per uno... Dopo un po' la gola del fratellino era ormai cruda… Successivamente, Natalie lavorò sulle dita delle mani, e cominciò a strapparle lentamente ad una ad una. Il suo orgoglio diventava sempre più forte. Il fratellino soffocava nel suo stesso sangue. Natalie tirò giù il panno, e una gran cascata di sangue fuoriuscì dalla bocca del fratello che girò la testa di lato e vomitò violentemente. "Tranquillo fratellino…” disse accarezzandogli la testa. "Tieni, mangia questo, ti sentirai meglio."  Gli Infilò un dito in bocca, e il povero fratellino soffocava… e lentamente morì.



"Il vostro tempo è scaduto ."


---


La ragazza, una volta conosciuta come Natalie, tornò per l’ultima volta nella sua stanza. Fissò in un’ angolo, e vide la sua giraffa di peluche. Si inginocchiò, e la fissò. Poi, senza una parola, si rialzò, e si diresse verso il bagno. Fissando se stessa, coperta di sangue, sentì un ticchettio debole. Guardò al piano di sotto, e vide un orologio da taschino.



Fissò le sue mani, ascoltando il ticchettio per quello che sembrò un tempo infinito.


Tirò fuori uno dei suoi coltelli ormai rossi, che gocciolavano pesantemente sul pavimento.


"… Il tempo fa vivere attraverso la tortura…"  Disse, portando lentamente il coltello vicino al suo occhio.

"… lentamente, procedendo con la vita, che viene torturata da esso…" 

Iniziò a scavare lentamente nel suo occhio, e la visione del suo occhio
sinistro diventava sempre più sfocata, e soprattutto… rossa.

"…fino a quando non si scopre di non avere più uno scopo…"  Sentì il suo occhio staccarsi lentamente, il sangue colava sul lavandino.

"…quel cerchio…." Sentì il suo occhio penzolare sul viso, e un dolore acuto attraversava il suo cervello.

"… Il tempo non accelera, non rallenta… sì, è molto violento…"  Afferrò il cordone del suo occhio, lo strappò violentemente, e lo scaraventò sul lavandino.

"… E ti fa vivere attraverso la tortura più, e più volte…" Avvicinò l’ orologio al suo occhio. "… incapace di avanzare a partire da esso."  L' orologio sembrava corrispondere perfettamente con la forma del buco nel suo cranio.

---


La giovane ragazza di 14 anni, una volta conosciuto come Natalie, si allontanò dalla sua casa, in fiamme. Le fiamme inghiottirono tutto…


… all’interno della sua camera, la sua giraffa ardeva lentamente, assieme alle carcasse della sua famiglia.



---


Alcuni dicono, che lei viva ancora.


Il tempo delle sue vittime è scaduto.


Noi, ci lasciamo coccolare dalle coperte… facciamo sogni tranquilli… ClockWork è lì, che ci guarda.



Si sente un ticchettio…


… lei è lì .





…si sa, il Tempo è scaduto ...

Clockwork by delucat-d6v1t3i.jpg

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale