FANDOM


Premetto che questa storia l'avevo preparata come storia di addio, l'avevo salvata su Word Pad ed ero pronto a incollarla qui, in preda alla depressione a causa di problemi con... qualcuno (spero che ci arriviate). Tutto ciò che è scritto qui è frutto della mia tristezza e rabbia. Godetevi la storia.

La morte

Ormai il Palazzo Centrale di Degradoland era in fiamme. The Dark Mind avanzava calpestando cadaveri o scostandone alcuni con il suo fidato bastone da passeggio, diventato per lui come un'arma: infatti, la testa d'aquila d'argento posta come manico poteva garantire un'offesa rapida e, se inferta nel punto giusto, letale. Con questa stessa uccise Mich, un suo collega grazie a cui è riuscito a penetrare nella città fortificata dai cannoni spara-ban.

Crystal e Jane, le due amministratrici del regno, sfioravano il panico, come gli altri membri principali del palazzo. Crystal non sapeva più che fare, e il che era strano visto che era conosciuta per essere una "donna di ferro", sempre con un asso nella manica. Come ultima scelta, prima di ritirarsi nel suo rifugio nel piccolo villaggio di Estebunny, chiese a Lè Death di difendere fino alla morte il palazzo da Dark, e se necessario ucciderlo. Lè Death, senza esitazione, impugnò la falce e si avviò verso Dark. Incontrò Oceano, durante il tragitto, ferito e sanguinante: "Death, credo di averlo indebolito abbastanza. Adesso, vai e taglia via quella testa malata, per favore. ". Death annuì, e continuò il percorso verso l'uscita, ma qualcosa lo colpì alla schiena. Si voltò, e Dark era lì. Senza dire una parola, iniziarono a scambiarsi fendenti, Dark con il bastone e un coltellaccio e Death con la sua falce della morte. Da una balconata, Jess e Majora osservavano la scena, e Majora urlò a Lè Death:" FAGLI IL CULO DEATH", ricevendo come risposta una gomitata da Jess: "Calma... Una volta era un nostro compagno, ma poi è colato a picco, verso il male e l'abisso..." " Seh, seh, discorsi epici, ma ora passa i pop-corn che mi godo la battaglia. " Death cadde a terra, colpito in piena faccia dall'aquila. Un taglio profondo si era aperto vicino all'occhio. Dark stava per finirlo, sorridendo, quando un proiettile gli si piantò in fronte.

Crystal teneva in mano una pistola, lacrimando, e fece fuoco nuovamente, colpendo il petto di The Dark Mind. Quest'ultimo crollò rovinosamente, e il sangue iniziò a uscire copioso dalla fronte. Death venne aiutato a rialzarsi da Majora, e tutti guardavano inorriditi Dark morire lentamente. In pochi minuti, la fortezza, come la città di Degradoland, era abbandonata e rasa al suolo. Dark aveva vinto, pagando con la morte.

Ritorno

Ma la morte non riuscì a fermare la furia sanguinaria di Dark, quella sera. Infatti, venne consumato dalla stessa oscurità che bramava e che custodiva nel suo avido cuore, divenendo un demone: perse tutti i capelli, e al loro posto apparirono incisioni tribali sulla testa e sul viso, il sangue smise di scorrere dentro di lui rendendo la sua pelle quasi grigia. I suoi occhi ormai privi di anima, divennero bianchi, e due ali nere apparvero dietro la sua schiena. Gli occhi dell'aquila sul bastone divennero rosso sangue, e Dark si rialzò. Una volta aperti gli occhi, e guardato il panorama desolante della sua vecchia patria distrutta, una sola idea apparve nella sua mente offuscata dai demoni interiori: uccidere ogni componente del palazzo di Degradoland, ogni superstite, e cancellare del tutto ogni loro traccia.

Fine.

P.S. : ricordatevi che non questa storia è stata scritta in preda a una depressione incontrollabile, e ho voluto pubblicarla perchè comunque mi piaceva.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale